Navigare Facile

Storia

La Storia di Fontanelice

Un primo nucleo abitato definito nacque a partire dal 554 quando venne costruito un castello da Marzio Coralto, originario di Imola.

Costui ricevette da Narsete, generale bizantino, alcune terre, che corrispondono proprio al territorio di Fontanelice.
Attorno a questo castello venne costruito un borgo; rimane tuttora l'aspetto medievale del paese ma purtroppo non vi sono resti dell'antico castello.
Il borgo appoggiò inizialmente Imola nelle lotte tra guelfi e ghibellini ma successivamente sostenne Bologna con Borgo Tossignano.
Nel tardo Medioevo fu feudo della famiglia dei Pagani, dei Bentivoglio, infine rimase degli Alidosi  fino al 1424; da quell'anno divenne territorio pontificio e presto passo al nipote di Papa Paolo IV, precisamente nel 1556.
Nel 1640, durante i conflitti tra lo Stato Pontificio e i duchi di Parma, fu una base militare per le truppe del Papa. Lo stesso avvenne nel 1713 quando vi fu l'invasione delle truppe tedesche.
A partire dal 1700 l'area divenne un feudo sotto la famiglia Spada con Giacomo Filippo Amatore Spada di Bologna.
Nel 1757 Francesco Marvelli Tartagni di Forlì acquistò il feudo ma nel 1797, a seguito dell'invasione francese ne fu privato.
Nel 1801 infine Fontanelice entrò a far parte della Repubblica Cisalpina dove vide la presenza dei francesi alternativamente con quella austriaca.

Nel 1832 iniziò la costruzione di un'importante strada che permise il collegamento di Fontanelice ed Imola alla Regione Toscana: la Via Montanara.
Questa strada risaliva la Valle del Santerno giungendo a Firenzuola e da lì arrivava a Scarperia e poi Firenze; causò un notevole miglioramento del commercio migliorando il benessere economico di Fontanelice, dove giungevano banchieri e mercanti fiorentini e da dove partivano i prodotti agricoli, sempre ricercati da Firenze.
Nel 1861, con l'Unità d'Italia, il comune passò sotto la città di Ravenna.
Dal 1884 diviene invece comune bolognese.
Durante le due guerre mondiali subì abbondanti perdite ma la costruzione fu rapida: venne costruito un nuovo Municipio e si edificarono numerose case popolari.